Infermiere in Farmacia

Perché è utile l’infermiere in Farmacia?

Quante volte ti sei dovuto muovere per andare prima dal medico curante per poi andare in farmacia a ritirare il necessario e successivamente cercare qualcuno che venisse a casa tua per effettuare una prestazione sanitaria?
Ora potrai fare affidamento sull’Infermiere di Farmacia. Questa figura professionale ti aiuterà a ridurre i tempi di realizzazione delle prestazioni, operando nelle strutture pubbliche come la nostra Farmacia.

Cosa fa l’infermiere in Farmacia

L’Infermiere in Farmacia può:

• provvedere alla corretta applicazione delle prescrizioni terapeutiche;
• effettuare medicazioni e di cicli iniettivi intramuscolo;
• svolgere attività concernenti l’educazione sanitaria e la partecipazione a consulting.

Su prescrizione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, erogare, all’interno della farmacia e a domicilio, ulteriori prestazioni fra quelle effettuabili in autonomia secondo il proprio profilo professionale.

Come viene scelto l’Infermiere in Farmacia

Una commissione giudicatrice lo ha selezionato viste le capacità di garantire, all’interno della Farmacia, prestazioni tipo: test per glicemia, colesterolo e trigliceridi ed altri test “autodiagnostici”, gestibili direttamente dai pazienti a domicilio.
La misurazione della pressione e della capacità polmonare tramite auto-spirometria; elettrocardiogrammi con modalità di telecardiologia da effettuarsi in collegamento con centri di Cardiologia accreditati dalla Regione.

Vi invitiamo a recarvi in Farmacia per ulteriori informazioni sul servizio di Infermiere in Farmacia.

Richiedi informazioni o prenota 0574581266

Farmacia Carbone - Viale Montegrappa, 8-14 - Prato (PO)

Ultime news
  • Sonno disturbato: trova in farmacia i migliori rimedi naturali

    06 Giugno 2020

    La qualità del sonno è tra gli elementi più importanti per una vita sana. Spesso, però, i ritmi frenetici della quotidianità, le cattive abitudini alimentari, lo stress e le preoccupazioni possono mettere a rischio il sonno, disturbandolo.

    Che fare, quindi, per dire addio ai problemi di insonnia, e tornare a godersi i vantaggi di un buon relax notturno? Innanzitutto, migliorando la qualità e le abitudini quotidiane. Tuttavia, per ottenere un aiuto nell’immediato e tornare a riposare al meglio, chiedete consiglio in farmacia.

    Esistono numerosi prodotti a base naturale in grado di migliorare il sonno notturno, combattendo con efficacia l'insonnia temporanea.

    Come quelli a base di verbena, che conciliano il riposo grazie al loro effetto calmante e sedativo: perfetta da utilizzare in infusione per la realizzazione di tisane, la verbena è ottima anche come olio essenziale per diffusori, l’ideale per creare un ambiente rilassante nella stanza da letto.

    Tra i rimedi naturali più efficaci c’è poi la valeriana: disponibile in capsule, in gocce, o in bustine per infusione, la valeriana agisce delicatamente sul sistema nervoso, abbassando le tensioni ed i livelli di stress. In questo modo viene favorito il riposo profondo, grazie ad una naturale azione sedativa.

    Senza dimenticare la melissa e la camomilla, piante dalle note proprietà calmanti, molto utili anche per migliorare la digestione e conciliare il sonno dopo pasti particolarmente ricchi.

    Infine, meno nota ma altrettanto efficace, merita una menzione l’escolzia, un antistress naturale che rilassa il corpo e favorisce il microcircolo, combattendo i fastidiosi crampi muscolari che si presentano di notte, disturbando il sonno. Tradizionalmente disponibile in gocce o in compresse, l’escolzia agisce favorevolmente sulla qualità del sonno fisiologico e permette di tornare a dormire tranquilli e sereni.
  • Bambini e allergia ai pollini: come comportarsi?

    04 Giugno 2020

    Starnuti a raffica, naso chiuso e occhi arrossati: l'allergia ai pollini non risparmia nessuno! Ma come comportarsi quando ad esserne colpiti sono i nostri figli?

    In molti pensano che un medicinale per adulti, preso a dosi ridotte, sia adatto anche ai bambini: non è cosi! In fase di crescita, infatti, il corpo è molto diverso da quello di una persona già matura ed è diversa anche la metabolizzazione dei farmaci. Per questo è importante prestare molta attenzione ai prodotti che si somministrano ai bambini, evitando il fai da te e chiedendo sempre indicazione al medico.

    Vediamo qualche piccolo suggerimento per affrontare l'allergia nel modo corretto.

    Allergia o raffreddore?

    Prima di tutto valutate se siete di fronte ad una reazione allergica o ad un semplice raffreddore. Capirlo è piuttosto semplice: una forma virale si esaurisce nel giro di qualche giorno, la rinite allergica, invece, prosegue per diverse settimane in aggiunta ad altri sintomi come lacrimazione degli occhi, prurito e difficoltà a respirare.

    Ecco come intervenire:

    • innanzitutto, potete optare per degli antistaminici per bambini. In farmacia troverete prodotti di diverse tipologie, anche totalmente naturali. Chiedete sempre consiglio al medico o al farmacista, perché, a seconda della composizione molecolare del farmaco, possono subentrare effetti collaterali;
    • un'altra opzione è quella di intervenire preventivamente con un'immunoterapia specifica. Fino a qualche tempo fa i vaccini venivano fatti dopo i sei anni. Oggi, invece, i medici consigliano di anticiparli così da ostacolare la nascita della patologia, alleviandone i sintomi e impedendone la progressione.

    Fondamentale, in entrambi i casi, è chiedere sempre supporto al personale specializzato che sarà in grado di indirizzarvi sul prodotto o la soluzione più adatta a seconda della sintomatologia e dell'età del vostro bambino.

  • Vitamina D e fertilità maschile

    02 Giugno 2020

    Stare al sole, soprattutto in estate, piace a molti e fa anche molto bene! I raggi solari, infatti, stimolano la produzione di un elemento molto importante per il nostro organismo, la Vitamina D. Detta anche vitamina del sole, svolge un ruolo fondamentale soprattutto nella protezione delle ossa e nel rinforzo del sistema immunitario. Ma non solo!

    La proprietà nascosta della Vitamina D

    Meno conosciuta è la sua associazione alla fertilità, sia maschile che femminile.

    In particolare negli uomini, si è scoperto che, bassi livelli di Vitamina D nel corpo, determinano una diminuzione di testosterone e una bassa percentuale di spermatozoi mobili e morfologicamente normali.

    Secondo alcune ricerche è emerso come, questa vitamina attivata dal sole, abbia effetti positivi sui suoi recettori (VDR) contenuti negli spermatozoi. Di conseguenza, l'infertilità maschile, potrebbe essere combattuta mantenendo questa sostanza nel sangue a livelli ottimali, poiché strettamente correlata alla mobilità spermatica.

    Un vero passo avanti nella ricerca per la cura di questo disturbo.

    Nonostante la sua importanza, la carenza di Vitamina D è un problema diffuso. In Italia, per esempio, considerato il Paese del sole, ben 6 italiani su 10 presentano un deficit di questa sostanza. Cosa fare quindi per compensarne la mancanza?

    Il cibo alleato di salute!

    L'alimentazione, come sempre, è indispensabile per la salute del nostro corpo. Tra gli alimenti che maggiormente contengono questa vitamina troviamo il pesce, in particolare trota, sogliola, salmone, pesce spada, tonno e pesce azzurro, le uova, il latte, il fegato e i grassi animali, come quelli presenti nel pollo e nel tacchino. Non dimentichiamoci dei cereali e le verdure verdi, anch'essi ricchi di questa sostanza.

    In caso di carenza eccessiva di Vitamina D, è necessario introdurre nella dieta degli integratori specifici. Il vostro medico o farmacista di fiducia sapranno consigliarvi il prodotto migliore, garantendovi il giusto apporto di questo fondamentale elemento di benessere.

Rubriche
  • Bambini e bilinguismo: una strada entusiasmante

    03 Giugno 2020

    Oggi sono andata a un seminario che parlava di bambini e bilinguismo. Devo dirvi che sono rimasta piacevolmente soddisfatta: sono veramente contenta di aver dedicato la mattinata odierna a un tema così importante!

    Eh sì, ho proprio usato l'aggettivo “importante”! Anche io ero scettica in merito, ma scoprire che i bambini bilingue hanno una marcia in più rispetto ai bambini monolingue, ovvero a tutti quei bambini che parlano solo la lingua madre, è stato istruttivo e mi ha aperto la mente nei confronti di un modello educativo che avevo grandemente sottovalutato.

    Imparare due lingue comporta infatti per il cervello di ogni bambino una serie di vantaggi. Io ho deciso! Il mio ometto crescerà bilingue! Sarò irremovibile sulla questione: Andrea crescerà imparando due lingue: italiano e inglese.

    Gli esperti del seminario hanno illustrato nel dettaglio uno studio molto interessante, pubblicato peraltro in un'importantissima testata: l'International of Bilingual Education and Bilingualism. All'interno di questa ricerca, si dimostra quanto il bilinguismo risulti produttivo per il cervello dei bambini; nel caso in cui si imparino due lingue, infatti, l'encefalo dei più piccoli viene sottoposto a un maggiore allenamento. Il risultato è che i bimbi che imparano due lingue sono in grado di passare agevolmente da una lingua all'altra!

    Nei bambini bilingue, quindi, risulteranno notevolmente accresciute sia la memoria a breve termine sia la capacità che permette loro di arrivare prima alla soluzione.

    Riassumere tutto il seminario in due righe non è facile e non può essere nemmeno esaustivo, ma vi posso assicurare che crescere i bambini bilingue è una delle scelte migliori che noi mamme possiamo fare nell'atto del vaglio del percorso educativo dei nostri bimbi! Pensate che esistono addirittura dei giochi che aiutano i genitori in questo compito delicato.

    Dal canto mio io penso proprio che il gioco valga la candela! Gli effetti positivi del bilinguismo sullo sviluppo cerebrale dei nostri piccoli meritano un impegno in tal senso! Il mio ometto lo merita proprio!

    Badate, io non voglio convincervi con queste poche righe, poche e neanche esaustive, voglio però invitarvi a informarvi, a leggere e qualora ne aveste la possibilità a partecipare a dei seminari di formazione, proprio come ho fatto io! Vi si aprirà un mondo, vedrete!

  • SPORT, BRUCIA GRASSI

    27 Maggio 2020

    Nella vostra testa, da qualche tempo sentite la voce della vostra coscienza, che vi ripete sempre di iniziare a praticare un pò di sport, un pò di attività fisica, per mantenervi in forma. A questa domanda, rispondete di avere voglia, ma purtroppo, la vera voglia che vi manca è quella di iniziare. Se non volete andare in palestra, oppure, sapete che non potete mantenere un impegno costante per diversi motivi o, perché semplicemente non vi va di iscrivervi in questo tipo di struttura, nessuno vi vieta di praticare lo svolgimento della vostra attività fisica, nelle vostre "quattro mura domestiche". Bene, bene, se siete convinti, che è arrivato il momento di mettere in movimento i vostri muscoli, in questo nuovo articolo, vi consigliamo un'attività fisica che si chiama il salto della corda.

    Il salto della corda è un'attività fisica adatta a tutti, attenzione, prima di tutto scegliete la lunghezza della corda, adatta alla vostra altezza, altrimenti rischiate di farvi male. Pensate, che questo tipo di attività, se svolta nel modo corretto è in grado di bruciare una buona quantità di grassi. Infatti, per uno svolgimento moderato, si bruciano circa 700 Kcal l'ora, mentre se svolta in modo più intenso, si bruciano circa 830 Kcal l'ora. Questo, tipo di sport dona all'organismo innumerevoli benefici, perché migliora la postura, l'equilibrio, la resistenza fisica e aiuta a perdere peso. Scegliete, delle scarpe da ginnastica di ottima qualità, che siano in grado di ammortizzare la caduta salto dopo salto e che siano un sostegno valido per il piede.

    Se siete pronti ad iniziare a saltare la corda, per regalarvi una perfetta forma fisica, iniziate accendendo lo stereo e allenatevi con un sottofondo musicale che vi accompagni durante i salti.... Iniziare, non è difficile, anzi è più facile a farsi, che a dirsi..... Non ci pensate troppo e mettetevi, in "movimento"...

    Buon allenamento....

  • SMAGLIATURE? PROVVEDIAMO IN MODO NATURALE

    20 Maggio 2020

    Le smagliature sono un problema molte frequente, che lo si può notare sia sulle donne che sugli uomini, purtroppo questo inestetismo causa il fastidioso effetto delle pelle a "fisarmonica". Questo inestetismo della pelle, somiglia alle cicatrici e possono essere, più o meno grandi. Le cause sono provocate, generalmente dall'ingrassare e dal dimagrire in modo drastico, perché in questo brutto modo la pelle la perde la sua tonicità, apparendo alla vista e al tatto non molto "piacevole".

    Purtroppo, eliminare definitivamente le smagliature è molto complicato, ma con i rimedi naturali si possono apportare miglioramenti, evitando la loro maggiore formazione e rendendo, meno visibili quelle che eventualmente il corpo già presenta. Chi sono questi alleati naturali che ci garantiscono questi risultai? Siete curiosi? Allora andiamo a scoprirli insieme.

    Gel di aloe vera, non credo che questo rimedio naturale abbia bisogno di particolari presentazioni,in quanto è valido per trattare diverse problematiche, che dire contro le smagliature è un valido alleato che migliora la pelle visibilmente, riducendo il problema perché rafforza l'elasticità delle pelle facendola apparire più tonica e compatta. Quello che vi occorre è semplicissimo, dovete estrarre dalle foglie di questa pianta il succo gelatinoso, contenuto nel loro interno e andare a massaggiare nelle zone dove si presenta il fastidio con dei movimenti energici e tirando la pelle verso l'alto, perché questo aiuta a rassodare la pelle. (Se in balcone o in giardino non avete una pianta di aloe, forse è arrivato il momento di possederla) Se siete pazienti, con costanza e le giuste applicazioni, questo trattamento utilizzato tutti i giorni, per almeno una volta al giorno, vi aiuterà ad attenuare il problema. Inoltre, il vantaggio che il gel di aloe possiede è che, si assorbe con estrema facilità.

    Limone, è un rimedio valido contro le smagliature, perché contiene un'elevata quantità di vitamina C, che aiuta la formazione del collagene, andando ad attenuare le smagliature e rende la pelle più compatta. Dovete usare il succo di un limone spremuto e filtrarlo, con un passino da cucina e applicarlo sulle zone dove compaiono le smagliature, effettuando con i polpastrelli delle dita una lieve pressione, spingendo la pelle verso l'alto in modo da tonificare la pelle. Anche per questo rimedio applicazione costante tutti i giorni almeno una volta al giorno.

    Non fatevi intimorire dalle smagliature............ Difendetevi.

Altri reparti
PREPARAZIONI GALENICHE

PREPARAZIONI GALENICHE

PODOLOGIA

PODOLOGIA

PRESSIONE OCULARE

PRESSIONE OCULARE

FORATURA LOBI

FORATURA LOBI

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.